CHI CONOSCE BOLSONARO

una lettera di Frei Betto

Il comportamento del Presidente del Brasile Bolsonaro, di fronte alla tragedia della pandemia lascia molti stupefatti e costernati nel mondo. Purtroppo non è l'unico, e, mentre, da un lato, ci si augura che il buon senso abbia il sopravvento e che le persone che hanno eletto dirigenti le cui decisioni hanno una tinta sempre più fosca di incompetenza se non di criminalità, dall'altro ci si domanda fino a che punto si tratta solo di preterintenzionalità e non di interessi cinicamente perseguiti. La lettera che segue ci è pervenuta attraverso amici. E' stata scritta da Frei Betto, al secolo, Antonio Carlos Vieira Christo. Per chi già non lo conoscesse, è un frate domenicano, scrittore di numerosi libri. Pluripremiato. Molto impegnato ideologicamente e teologicamente. Esplicito oppositore del tremendo regime militare che afflisse il Brasile negli anni '70. Torturato e imprigionato, non ha mai smesso il suo impegno sociale. Tutto questo per dire che, forse, la sua lettera merita una certa attenzione e ci pone la domanda di come sia possibile che, in regime democratico, le persone si lascino a tal punto manipolare da convincersi ad appoggiare dirigenti così poco affidabili. E questo, ovviamente non vale solo per il Brasile.

LETTERA AGLI AMICI E AMICHE ALL’ESTERO
 
"Care amiche e cari amici,
 
in Brasile si sta consumando un genocidio! Mentre vi scrivo, 16 luglio, il Covid-19, apparso da queste parti nel febbraio di quest’anno, ha già ucciso 76mila persone. Sono già 2 milioni le persone contagiate. Entro domenica prossima, 19 luglio, arriveremo a 80 mila vittime. È verosimile che in questo momento, mentre state leggendo questo mio drammatico appello, si raggiunga la soglia dei 100mila morti.

NATALE IN CARCERE

stamane, 20 dicembre 2018

 di Luciano Carpo

Nella sala si svolgono tutti gli eventi con presenza di un pubblico esterno(riunioni, dibattiti e anche il mio Cineforum) è la Messa di Natale ( vi partecipa anche il Vescovo). Poi, concerto. Per l'occasione gli agenti di custodia in alta uniforme sono sempre molto numerosi. E armati. I detenuti partecipano a piccoli gruppi su base volontaria, ma io so che esiste anche una "selezione", cioè ogni gruppo è una rappresentanza delle varie Sezioni e poi non viene consentita l'assistenza ad una manifestazione pubblica a chi e' ritenuto si sia comportato male.L'ambiente e' molto riscaldato, i detenuti indossano solo magliette e camicie. Entrano scortati e, prima di sedersi nel lato sinistro della sala, cercano con lo sguardo spavaldo il sorriso di qualcuno di noi operatori ed educatori, seduti nel lato destro con tanto di cartellino al collo "Visitatore".Mi viene ad abbracciare un antico aficionado del Cineforum, in carcere da molti anni, orgoglioso ex integrante della famigerata Banda del Brenta(" Mai ammazzato nessuno, io. Mai fatto la spia, io. Beh, un pò rubato, sì. E allora? E chi non ruba in Italia!").

ITALY n° 6 - da Grazia Lomonaco

Il biglietto a suor Agnese, responsabile della mensa in un convento di Roma. Lo ha scritto Adriana, docente universitaria brasiliana di origini italiane, ospitata nel convento dove Agnese vive, per un convegno internazionale di studi filosofici.

Copertina: 10 motivi per cui ti voglio bene (prestampato).

(da questo punto scritto a mano, obliquo, fittissimo, calligrafia minuta)

" Tu sei:

  1. Guerriera; Forte; Degna; Sincera; Onesta; Umile; Fedele; Generosa; Sensibile; Umana.

Non sono adulatrice: sei davvero brava!

          Nelle due pagine interne:

Cara Agnese,

ITALY n° 5 - da Gabriella Ruscellanti

 La giovane voce mi risponde al citofono e mi indica il piano. Salgo le scale incuriosita perché la figlia di Andrea, al telefono, quando ha chiesto aiuto per suo padre ottantenne alla nostra Associazione, mi ha detto che lui è temporaneamente ospite della madre, da cui ha divorziato molti anni fa, che ha accettato di ospitarlo temporaneamente, nonostante lei stessa abbia seri problemi di salute. Quando la ragazza apre la porta, dietro di lei scorgo una testa coperta di folti capelli bianchi: è la madre, che in questo appartamento vive sola. La figlia ci presenta: la signora è piccola e magra, mi sorride gentilmente e subito scompare in un’altra stanza. La figlia mi introduce in una camera da pranzo, ma lungo una parete è stato sistemato un letto singolo, accanto al quale sta una grossa bombola di ossigeno pronta per essere usata. Vicino al tavolo Andrea, seduto su una sedia a rotelle, mi  invita a sedermi vicino a lui, ma è la figlia a parlare, raccontandomi che il padre ha seri problemi di deambulazione dovuti a un problema alla spina dorsale, sta facendo delle terapie al vicino ospedale San Camillo e i medici sperano di risolvere il problema con un’operazione. Solo che il padre sopporta molto male questa situazione, è depresso, ha bisogno di parlare, di sfogare un’angoscia che diventa ogni giorno più grande. Mi giro verso di lui e mi accorgo che Andrea piange, in silenzio, aspettando che la figlia dia a lui il modo di descrivere il suo stato. Poi mi racconta, per più di un’ora, continuando a piangere, la sua vita, quella bella e quella brutta, quella piena di facce e di voci e quella della solitudine e dei silenzi. Eccola.

DESIGN BY WEB-KOMP