LA MARCIA DI MARTIN LUTHER KING 50 ANNI DOPO.

MA CHI CI PARTECIPA NEGLI USA DI OGGI?

di Gisella Evangelisti

Gli afroamericani erano arrivati in 250mila da tutte le parti del Paese. Avevano viaggiato in bus, in treno, in auto e avevano raggiunto Washington, il cuore del potere, quel 28 di agosto 1963, sfidando le autorità. S'erano vestiti a festa, come il Reverendo Martin Luther King aveva raccomandato di fare. Chiedevano un lavoro dignitoso e la libertà: "Jobs and Freedom" era scritto nei loro grandi cartelli. Ma come era possibile che una donna guadagnasse solo 5 dollari a settimana per le pulizie in casa di una famiglia che guadagnava almeno 100mila dollari l'anno? Arrivano i comunisti! Uffici pubblici e alberghi sprangarono le porte e 4000 militari della base aeronavale, della polizia locale, più agenti dell'FBI e del controspionaggio dell'esercito, travestiti da contadini, erano in stato di allerta in attesa che arrivassero i manifestanti.

RIFORME COSTITUZIONALI E CITTADINI SPETTATORI

di Paolo Basurto

Sono coscienti gli italiani che una riforma costituzionale è stata seriamente messa in cantiere e, se rimane l'attuale Governo con l'attuale maggioranza, rischia di essere effettivamente realizzata?  Il Fatto Quotidiano ha lanciato già da qualche tempo una raccolta di firme per scongiurare che questo avvenga e non mancano firmatari illustri come Zagrebelsky  Rodotà , Dacia Maraini e altri del mondo letterario e dell'arte, tra i quali anche Barbara Spinelli, che ha rilasciato una tagliente intervista a quel giornale (che vale davvero la pena leggere, per chi non l'avesse ancora fatto), nella quale afferma, tra l'altro. " Siamo nella continuità di un progetto che nella sostanza non è mai stato meditato né condannato. Tanto che quasi abbiamo realizzato il Piano di rinascita nazionale della P2 di Gelli. Siamo prigionieri di un’idea malata che incolpa la Costituzione d’ogni nostra stortura. Non si vuol vedere che invece siamo prigionieri di una cosiddetta classe dirigente prima compromessa col fascismo, poi coi clericali, poi con l’America, poi con la mafia, poi con Berlusconi."

Quello che più preoccupa è il completo scavalcamento dell'opinione pubblica. La riforma è stata avviata in fretta, promessa da un Governo a scadenza (entro 18 mesi ha detto Letta) utilizzando una maggioranza parlamentare a dir poco precaria e certamente singolare. Inoltre proprio in questi giorni l'iniziativa ha subìto una sorprendente accelerazione. La Commissione di Saggi, nominati dal Governo e sulla cui rappresentatività si è molto discusso (una Costituente nominata e non eletta) ha concluso i suoi lavori a tempo di record, vantandosi di aver consegnato con un mese di anticipo, il 18 settembre, il suo Rapporto. Tutti gli attori in scena sembrano pienamente soddisfatti. La via del Presidenzialismo è scongiurata mentre si dovrebbe imboccare quella del premierato forte, come ha sintetizzato Violante. Di dare maggiore spazio alla partecipazione dei cittadini non si parla proprio e l'idea di dare quella forza al Presidente del Consiglio che Berlusconi ha più volte lamentato di non avere, si è fatta strada, sembra all'unanimità.

Ma quello che lascia perplessi è la pubblicità (anche se è sempre stata timida) che invita gli italiani a partecipare con il loro parere a un grande sondaggio on line promosso dalla Presidenza del Consiglio. Chi è andato sul sito partecipa.gov.it e ha riempito i questionari proposti, avrà ricevuto i ringraziamenti dei promotori e le felicitazioni per aver contribuito ad una iniziativa tanto importante. E' così che partecipa attivamente il popolo.  Ma nel Forum aperto sullo stesso sito si potrebbe constatare che coloro che hanno partecipato (pochi mi sembra) hanno seri dubbi su chi e come dovrebbe utilizzare i dati del sondaggio. Del resto era logico immaginare che il primo utilizzatore sarebbe stata la Commissione. Ma questa probabilmente non ha ritenuto rilevante informarsi sui risultati del sondaggio che avrebbe dovuto concludersi l'8 ottobre e, sicura delle sue conclusioni, ha terminato ben in anticipo il suo lavoro. Insomma una significativa messa in scena, che maschera assai male la natura malsana di un'iniziativa che avrà enormi conseguenze sulla vita della società italiana e che viene cucinata del tutto all'interno dell'attuale classe politica pure così squalificata e poco rappresentativa. E' vero! Non siamo mai contenti.{jcomments on}

Il M5S grazie ai risultati inaspettati delle ultime elezioni costituisce una formazione politica di tutto rispetto. Ma qual'è la sua vera forza a causa delle sue intrinseche debolezze organizzative? Il dibattito aperto dai contributi di Salvatore Mazzeo e Silvano Bonfirraro ha interessato molti lettori e ha suscitato questa attenta analisi orientata ad una migliore comprensione del fenomeno che avrebbe potuto, e potrebbe ancora, cambiare radicalmente lo scenario della politica italiana.

IL M5S UNA FORZA DEBOLE

PARTECIPAZIONE, DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA E ALLEANZE POLITICHE

di Massimo D’Angelo

Posizioni diverse sul Movimento 5 Stelle

I recenti interventi di Salvatore Mazzeo e di Silvano Bonfirraro su Partecipagire offrono un’occasione per fare una riflessione critica strettamente legata all’esperienza parlamentare del Movimento 5 Stelle.  Sia Mazzeo ('Frammenti di Stelle') che Bonfirraro ('Il M5S è ancora un'alternativa?') provengono da un’esperienza diretta di militanza nel M5S, ma evidentemente le loro posizioni differiscono in modo sostanziale rispetto al ruolo futuro del movimento.  Bonfirraro non sembra tanto interessato ad entrare in profondità sui temi della partecipazione e della democrazia diretta/democrazia rappresentativa. Nel suo contributo, il punto centrale è il seguente: “oggi il vero problema, quello che più urgentemente deve essere affrontato, è riuscire a dare una spallata definitiva a questo sistema politico corrotto che ci sta annientando”). Le modalità per raggiungere quest’obiettivo sono illustrate solo en passant, perché Bonfirraro preferisce mettere l’accento sui motivi per cui, secondo lui, una collaborazione tra PD e M5S era ed è improponibile.  Ciò non di meno, è proprio in quel contesto che lui accenna alle tematiche della partecipazione e della democrazia diretta, a volte ridimensionandone l’importanza, forse in risposta ai critici del M5S, che riconoscono in quei temi contraddizioni profonde. Ma, Bonfirraro ribadisce, non è questo il tema centrale: non si deve esagerare parlando di democrazia diretta. L’importante è scuotere il sistema di interessi e di corruzione che domina gli attuali partiti al potere.

LA TAZZINA DI CAFFE'

Barcellona e la crisi quotidiana  - Storie dal Consell de Cent

di Gisella Evangelisti

Chi é stato a Barcellona sa che il famoso appartamento gestito dalla  Locandiera Dos, (alias Gisella in una delle sue polifacetiche versioni, )   in Consell de Cent, sta sopra un glorioso locale , il bar Ristorante Casa Agustì, che sorse negli anni 50 dalle fatiche di un ragazzo che portava al mercato  carretti di verdure, finché, carretto oggi e carretto domani, mise su un ristorantino dove una laboriosa moglie cominció a trasformare in piatti divini quello che la terra e il mare producevano, dai funghi ai pesci ai cipollotti e asparagi, alle costole di agnelletti e cosi via. I clienti si leccavano i baffi e facevano la fila per prenotare una cena al ristorante, tanto che dovettero ampliarsi e prendere più camerieri, fino ad arrivare a 11 dipendenti.

COMMENTI

I vostri commenti agli articoli vanno inviati, per la loro pubblicazione, al seguente indirizzo: partecipagire.net@gmail.com


 

'Farfalle Rosse', un romanzo di Gisella Evangelisti, pubblicato qualche tempo fa  in lingua spagnola è ora finalmente tradotto in italiano. Il libro è già apparso a puntate sul sito di Partecipagire.net, ora può essere scaricato nella sua versione completa, nell'area dei downloads- Categ. Libri a Puntate . 'Farfalle Rosse' è il racconto di una vita, o meglio, di più vite, quante sono quelle nelle quali si incarna la protagonista, tessendo una tela di fili imprevedibili tra continenti e culture profondamente diversi. Nello stile della Evangelisti, dove ironia e poesía si mescolano, il dramma non sfugge ma rafforza una visione energica e tenace che aiuta la ricerca e la speranza di una spiritualità che dia senso all'amore e alla quotidianeità. [Link al download]

======================================================

SE TRUMP DURASSE QUANTO BERLUSCONI

 Luigi Zingales pensa che Trump somigli molto a Berlusconi e ha scritto un articolo interessante sul New York Times. Il noto economista consiglia agli americani di studiarsi per bene gli errori che la sinistra italiana ha commesso durante il regno di Berlusconi, per cercare di non ripeterli. Chissà che la sinistra americana (ammesso che esista e conti qualcosa) non sia meglio di quella italiana.        [L’originale inglese si trova a questo LINK; di seguito si offre la traduzione dei primi paragrafi]

"Cinque anni fa, ero già preoccupato per il rischio di una presidenza di Donald J.  Trump. La maggior parte delle persone ci ridevano su. Lo ritenevano impossibile. Non sono stato particolarmente lungimirante; vengo dall’ Italia, e avevo già visto questo film, interpretato da Silvio Berlusconi, che ha guidato il governo italiano come primo ministro per un totale di nove anni tra il 1994 e il 2011. Sapevo come sarebbe andata a finire. Ora che il signor Trump è stato eletto presidente, il parallelo con Berlusconi potrebbe offrire una lezione importante su come evitare di trasformare una vittoria ottenuta sul filo del rasoio in un affare capace di durare due decenni.   [leggi tutto ]
<<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>

THE DAY AFTER

Aaron Benjamin Sorkin, è uno dei più popolari scrittori americani autore di libri e sceneggiature televisive di grande successo. La lettera che segue è stata scritta il giorno dopo le elezioni dell’8 novembre e pubblicata su Vanity Fair dove può essere letta per intero nella sua versione originale.

"  Famiglia,
il mondo è cambiato ieri sera tardi e non ho avuto modo di potervi proteggere. E 'una sensazione terribile per un padre. Non vi voglio addolcire la pillola. Quanto è accaduto è davvero orribile. Non è certo la prima volta che il mio candidato alla presidenza non vince (in realtà è almeno la sesta ), ma è la prima volta che vince un maiale assolutamente incompetente, pieno di idee pericolose, un tipo affetto da seri disturbi psichiatrici, senza nessuna conoscenza del mondo e privo di qualsiasi curiosità per cominciare ad imparare.
E non è stato solo Donald Trump a vincere la scorsa notte, hanno vinto anche i suoi sostenitori. Il Ku Klux Klan ha vinto la scorsa notte. Nazionalisti bianchi. Sessisti, razzisti e buffoni, giovani e arrabbiati bianchi che pensano che la musica rap e Cinco de Mayo siano una minaccia per il loro modo di vita (o sono la ragione per il loro modo di vita) hanno avuto la loro occasione per festeggiare. "[……. LINK] [trad. red.]
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Iscriviti alla Newsletter

IL CAPITALISMO DIVORERA' LA DEMOCRAZIA

La democrazia, governo del popolo per il popolo é in pericolo. I suoi principali nemici si annidano nei Consigli d'Amministrazione delle grandi corporazioni finanziarie che privilegiano il loro modo di generare profitto sulla volontà dei cittadini. Esiste, però, un modo per rispondere ed é quello che anche nel remoto passato di civiltà come quella ateniese funzionava. Basta dare voce a tutti senza privilegi di censo ed allora la democrazia può fare il miracolo e risorgere a nuovo splendore. Varoufakis ci dice che questa é la sfida per l'Europa di oggi, ritrovare la sua origine democratica.

Leggi tutto...

Vai all'inizio della pagina