CONFESSO

Né di destra né di sinistra, ma OLTRE!

di Paolo Basurto

Dopo tutto sono arrivati al potere. Quando questa cosa, che oggi si chiama Movimento 5 Stelle, ha cominciato ad essere, io ero lì. I Grillini….. Giovani, in stragrande maggioranza. Quasi tutti di sinistra. Tutti, arrabbiati e delusi. Una gran voglia di vendicarsi delle frustrazioni vergognose che avevano dovuto sperimentare nel tentativo di inserirsi nella vita adulta in modo a dir poco dignitoso. La loro bestia nera: la casta; il sistema che questa casta aveva alimentato permettendo che si infiltrasse dovunque nella società. Grillo, lo amavano. Lo amavano come si ama un cantautore, un comico, un attore, qualcuno che si era conquistato lo scenario deridendo e irridendo soprattutto i potenti della casta. Uno che strillava ed era volgare ma che le cantava a tutti e mandava affanculo senza troppi peli sulla lingua. Beato lui.  Come non essere un suo fan ? Come non frequentare almeno un Meet up degli Amici di Beppe Grillo?

Che ci facevo, io, con questi ragazzi ? Io, agiato pensionato con una ben riuscita carriera internazionale alle spalle? Che ci facevo, scrivendo la notte, attento a non entrare troppo in polemica per non finire con gli insulti, come quasi sempre accadeva nei loro blog?

Ho abbastanza età per essere un reduce del mitico ’68. Solo che mentre nelle piazze l’immaginazione cercava disperatamente di andare al potere, io, al ‘potere’ c’ero già, in qualche modo. Funzionario del Ministero degli Esteri, il ministero più snob e sofisticato della vituperata Pubblica Amministrazione e fiore all’occhiello della casta dei Grand Commis dello Stato, ero il responsabile dei primi programmi di cooperazione internazionale realizzati con la partecipazione di volontari in servizio civile. Centinaia di giovani, in fuga dal servizio militare, desiderosi di rottura con un passato pieno di gerarchie, oligarchie e ‘baroni’ come allora veniva chiamata la gerontocrazia universitaria.

Se il ’68 fu vera rivoluzione lo lascio al dibattito in altra sede. E’ un fatto, però, che mentre importanti mutamenti di costume si verificavano e tabù ormai inutili cadevano quasi da soli, il sistema politico riuscì a schivare ogni sgambetto e rimase sostanzialmente lo stesso di sempre. Il mio ’68 fu come essere preso tra due fuochi. Da un lato la simpatia e identificazione con l’ansia di cambio, dall’altro l’ineludibile consapevolezza della mancanza di un progetto realistico capace di proporsi come vera alternativa.

Il ’68 sfociò negli anni di piombo, dando ragione ai conservatori del potere, ai Cossiga e agli Andreotti. Anzi peggio, camuffando di novità l’emergenza socialista che consentì all’Italia di indebitarsi oltre il collo, con le conseguenze di soffocamento finanziario che da decenni ci strozzano, di crescita implacabile delle diseguaglianze sociali, e del consolidamento di una oligarchia spesso apertamente collusa con la criminalità organizzata. Una bella delusione.

Su queste basi si è costruita spontanea la mia simpatia per i grillini. Giovani con la voglia di partecipare in prima persona, di scavalcare il falso mito della rappresentatività, di controllare l’uso del potere usando la propria testa e i nuovi strumenti di comunicazione capaci di circolare idee e informazioni a velocità mai viste prima. Non si trattava di un progetto ma di una prospettiva. Una prospettiva altamente sperimentale ma decisamente nuova e ricca di aspettative. Grillo non era che un formidabile megafono per attirare attenzione ed energie disponibili. Giovane o no, era una bellissima occasione per dare una mano alla speranza di progresso in una società sclerotica e decadente, prossima al collasso di una democrazia fallita.

Oggi loro sono al potere. Ma sono ancora quei grillini? Cosa è rimasto di quel clima? Di quella prospettiva, di quella voglia di partecipare in prima persona? ‘Nulla’ sarebbe già una conclusione non completamente negativa. Perché qualcosa è rimasto, ma distaccato dalla prospettiva quel qualcosa è addirittura pericoloso. La voglia di partecipare senza gli strumenti adeguati -e collaudati- maschera un arrivismo personalista che si manifesta in un autentico servilismo al Capo.

La metamorfosi di Grillo in Capo politico, autoritario e indiscusso, ha annullato ogni dibattito interno che potesse originare dissenso. Il M5S è divenuto un partito unico la cui natura originaria è stata stravolta dalle epurazioni e dalle censure. La rabbia che alimentava un sano desiderio di cambio è oggi il propellente di un atteggiamento ottusamente egoista e viscerale che presenta il Movimento per quello che ormai è: un brodo di cultura per ideologie naziste messe assieme dall’incoscienza e dalla superficialità. Non può stupire che il suo primo alleato di governo sia la Lega.

Certo, è presto per giudicare. Stiamo a vedere. Ecco le frasi ricorrenti anche in quelli che non li hanno votati ma che sotto sotto avvertono che la vecchia casta, che anche loro odiavano ma che votavano con la puzza sotto il naso, finalmente sta per crollare.

Almeno è gente nuova, non è collusa con i poteri di sempre. Se non altro ci daranno la soddisfazione di una vendetta.

Vengono allo scoperta, ancora con relativa timidezza, le vere motivazioni del successo elettorale. Eliminare e soppiantare. Un Capo sufficientemente forte per guidare, decidere, smuovere e rimuovere. Un Capo che coinvolga, trascini e crei un senso di appartenenza a un Movimento che si muove e offra la possibilità di credere di avere un senso, di avere la scelta giusta a portata di mano e… a occhi chiusi.

I Grillini sono fanatici? Nessuno di loro lo ammetterebbe mai. Ma il rischio che corre l’Italia avendoli al Governo è soprattutto questo. Alimentare un fanatismo crescente che annulli qualsiasi possibilità di dibattito razionale e costruttivo. Annullare qualsiasi prospettiva di cambio di un sistema ammalato e contagioso come quello nel quale si sono invischiati mani e piedi Grillo e i suoi adoranti adepti. La partecipazione è ormai una parola fuori moda anche tra i grillini. Se ne parla ipocratimente solo quando Davide Casaleggio alza un pochino la voce e sbandiera la piattaforma Rousseau come la grande occasione di partecipazione politica. Ma in realtà la piattaforma elettronica è finora servita solo come strumento di legittimazione di scelte politiche minori e questa legittimazione si poggia su un sistema la cui democraticità fa acqua da tutte le parti, privo com’è di controlli e garanzie. Insomma, il povero Rosseau sicuro si sta rivoltando nella tomba, per come viene abusato il suo nome affibbiato a un meccanismo di manipolazione nemmeno tanto raffinato, tecnologicamente parlando.

Quel poco di opposizione che ancora esiste, nei confronti di un Governo che ha saldato i grillini ad una alleanza che nessuno avrebbe mai sospettato prima delle elezioni e che nessuno si è nemmeno sognato di proporre nemmeno sulla piattaforma Rousseau, balbetta disperata tutto il male possibile su ogni decisione del Governo. I colpi al bersaglio grosso cercano di essere violenti e anche scorretti se è possibile. Gigino di Maio è un povero sprovveduto, senza arte né parte, messo  lì da Grillo, per fare una prova. Si fa mettere sotto da Salvini, vecchia e astutissima volpe, che è un fascista ormai confesso e che sta portando l’Italia sull’orlo del baratro. Conte, non conta un cazzo, fa il paciere come può e mette la faccia tutte le volte che Bruxelles schiaffeggia l’Italia per le sue avventate decisioni economiche. Non parliamo di Tria mille volte smentito, che non si dimette mai quando è chiaro che lo comandano a bacchetta per fargli fare cose che, decidendo con la sua testa, non farebbe mai. Non parliamo poi dei personaggi non di Governo, ma di spicco, come la Raggi o la Appendino. Incopetenti, incoerenti, collusi. Persone impreparate che hanno anticipato a livello locale i disastri di cui il M5S sarà capace di fare a livello nazionale. Ma questa patetica opposizione politica, che biascica critiche viscerali e piagnucolose, che arriva a sperare il fallimento finanziario del Paese, spiando ansioso ogni giorno l’andamento dello spread, non è degna di nessun apprezzamento. La sua ottusità nutre sempre pi,ù rabbia e scoraggiamento. Questa Italia non sembra avere vie d’uscita.

Confesso di aver creduto al messaggio iniziale del Movimento 5 stelle. Confesso di aver pensato che sarebbe stato possibile sperimentare un nuovo sistema più aperto e partecipativo, basato sull’intelligenza della collettività, sul suo razionale buon senso, sul suo legittimo desiderio di prendere il proprio destino nelle proprie mani. Confesso di essermi fatto sedurre dal fascino di abbandonare finalmente schemi prefabbricati, pregiudizi ideologici, condizionamenti emotivi. Tra i tanti slogan di Grillo, uno mi era sempre veramente piaciuto: “Né a destra né a sinistra, ma OLTRE ! “ Non era uno slogan come tanti, velleitario e facinoroso, era una sintetica frase, significativa di una necessità, prima ancora che di una volontà, di superamento e di evoluzione di un sistema politico non solo anacronistico e insufficiente ma pericolosamente inquinato dalla corruzione incontrollabile. Come immaginare che quell’Oltre, solo sarebbe servito a giustificare una regressione così stupefacente da consentire un’alleanza di Governo nientemeno che con la la Lega di Salvini. Come immaginare che la frustrazione avrebbe generato un tale senso di scetticismo se non di disperazione da indurre quasi il 60 per cento degli italiani ancora disposti a votare, ad arrendersi senza condizioni alla manipolazione della verità, al fascino delle bugie, alla cecità dei miti. Il Governo coltiva il fanatismo e quella parte che rappresenta i 5 stelle è ancora più colpevole dell’altra, per la sfacciataggine con cui ha tradito le sue promesse, per la paura del dibattito che reprime con metodi medievali e ricatti inammissibili per chi coerentemente solo avrebbe dovuto promuovere maggiore partecipazione, maggiore trasparenza e consapevolezza, maggiore reponsabilità comunitaria.

Com’è che ancora nessuna voce si alzi indicando quale sia il vero pericolo di questa resa senza condizioni alla manipolazione ? Sarà la voglia di credere che si stia uscendo dal pantano, solo perché dei nuovi nomi sono emersi dalle maglie del sistema. Ma il sistema è rimasto quello che era e prima o poi , che Di Maio e gli altri siano o no oggi delle brave persone, prima o poi questo sistema li ingurgiterà e li vomiterà, facendone pagare a noi le conseguenze.

COMMENTI

I vostri commenti agli articoli vanno inviati, per la loro pubblicazione, al seguente indirizzo: partecipagire.net@gmail.com


 

'Dalla curva del fiume all'improvviso' un romanzo di Gisella Evangelisti, pubblicato qualche tempo fa  in lingua spagnola è ora pubblicato in italiano, dall'Editore Fabio Croce. Il libro è già apparso a puntate sul sito di Partecipagire.net, con il titolo 'Farfalle Rosse', da dove può essere scaricato nella sua versione completa, nell'area dei downloads- Categ. Libri a Puntate . 'Farfalle Rosse' [Dalla curva del fiume all'improvviso] è il racconto di una vita, o meglio, di più vite, quante sono quelle nelle quali si incarna la protagonista, tessendo una tela di fili imprevedibili tra continenti e culture profondamente diversi. Nello stile della Evangelisti, dove ironia e poesía si mescolano, il dramma non sfugge ma rafforza una visione energica e tenace che aiuta la ricerca e la speranza di una spiritualità che dia senso all'amore e alla quotidianeità. [Link al download] Il libro è disponibile anche su Amazon.

======================================================

 
 

Un nuovo Dossier di Partecipagire.net. Si può scaricare  gratuitamente dalla sezione Download ed è disponibile in 4 formati: DocsWord; Pdf; AZW3; EPUB

wma.png

TEMPI MODERNI, di Marco Borsotti -

Tempi Moderni  fu l'ultima apparizione di Charlot, il vagabondo creato da Charlie Chaplin, personaggio principale di questa storia surreale che racconta della grande recessione e della meccanizzazione nella fabbrica.   Chaplin descriveva la nuova versione di capitalismo che si era affermata, infatti il Fordismo aveva trasformato le linee di produzione in catene di montaggio che, come si vede nelle sequenze iniziali della pellicola, provocano l'alienazione del personaggio che perde il senso della ragione che troverà soltanto quando alla fine insieme alla monella con cui si é incontrato si avvierà per una strada che porta all'orizzonte per abbandonare tutta la follia rappresentata da quel modo inumano ideato per  sfruttare le persone. Oggi, viviamo in una forma altrettanto alienante di società dove una nuova forma di capitalismo sta attaccando i diritti e le tutele del lavoro subalterno conquistati in decenni di lotte. L'ideologia che sottintende questo processo é poco nominata ed anche poco conosciuta pur se i suoi principali fautori hanno scritto opere di successo per esemplificarne il modo d'operare e la filosofia politica che la caratterizza. Il neo-liberismo, questo é il nome che le fu dato a Parigi in un congresso tenuto nella capitale francese nel 1938, esalta i diritti dell'individuo promuovendo il successo del più forte.

 

 

GIORNI STORICI PER LA CATALOGNA
di Gisella Evangelisti
A volte mi é capitato di assistere a momenti storici, come il referendum contro Pinochet e il primo concerto degli Inti illimani a Santiago, o il processo iniziale post liberazione del Nicaragua, o la Marcia dei 4 suyos in Perú contro Fujimori...sono momenti algidi dove si cristallizza  e senti quest'ansia di bene e di giustizia della gente. poi i politici mostrano i loro limiti, ma quest'ansia di bene resta e poi riesplode. in questo frangente, é stata chiarissima la doppia visione dela realtá che hanno la destra spagnola (non tutti gli spagnoli, per fortuna, ci sono state anche manifestazioni a favore), e il 90 % dei catalani, quando mi dicevano: noi siamo diversi dagli spagnoli, ora lo capisco.

FORTUNE E SFORTUNE DI DONALD TRUMP

SE TRUMP DURASSE QUANTO BERLUSCONI

 Luigi Zingales pensa che Trump somigli molto a Berlusconi e ha scritto un articolo interessante sul New York Times. Il noto economista consiglia agli americani di studiarsi per bene gli errori che la sinistra italiana ha commesso durante il regno di Berlusconi, per cercare di non ripeterli. Chissà che la sinistra americana (ammesso che esista e conti qualcosa) non sia meglio di quella italiana.        [L’originale inglese si trova a questo LINK; di seguito si offre la traduzione dei primi paragrafi]

"Cinque anni fa, ero già preoccupato per il rischio di una presidenza di Donald J.  Trump. La maggior parte delle persone ci ridevano su. Lo ritenevano impossibile. Non sono stato particolarmente lungimirante; vengo dall’ Italia, e avevo già visto questo film, interpretato da Silvio Berlusconi, che ha guidato il governo italiano come primo ministro per un totale di nove anni tra il 1994 e il 2011. Sapevo come sarebbe andata a finire. Ora che il signor Trump è stato eletto presidente, il parallelo con Berlusconi potrebbe offrire una lezione importante su come evitare di trasformare una vittoria ottenuta sul filo del rasoio in un affare capace di durare due decenni.   [leggi tutto ]
<<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>

THE DAY AFTER

Aaron Benjamin Sorkin, è uno dei più popolari scrittori americani autore di libri e sceneggiature televisive di grande successo. La lettera che segue è stata scritta il giorno dopo le elezioni dell’8 novembre e pubblicata su Vanity Fair dove può essere letta per intero nella sua versione originale.

"  Famiglia,
il mondo è cambiato ieri sera tardi e non ho avuto modo di potervi proteggere. E 'una sensazione terribile per un padre. Non vi voglio addolcire la pillola. Quanto è accaduto è davvero orribile. Non è certo la prima volta che il mio candidato alla presidenza non vince (in realtà è almeno la sesta ), ma è la prima volta che vince un maiale assolutamente incompetente, pieno di idee pericolose, un tipo affetto da seri disturbi psichiatrici, senza nessuna conoscenza del mondo e privo di qualsiasi curiosità per cominciare ad imparare.
E non è stato solo Donald Trump a vincere la scorsa notte, hanno vinto anche i suoi sostenitori. Il Ku Klux Klan ha vinto la scorsa notte. Nazionalisti bianchi. Sessisti, razzisti e buffoni, giovani e arrabbiati bianchi che pensano che la musica rap e Cinco de Mayo siano una minaccia per il loro modo di vita (o sono la ragione per il loro modo di vita) hanno avuto la loro occasione per festeggiare. "[……. LINK] [trad. red.]
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Iscriviti alla Newsletter

IL CAPITALISMO DIVORERA' LA DEMOCRAZIA

La democrazia, governo del popolo per il popolo é in pericolo. I suoi principali nemici si annidano nei Consigli d'Amministrazione delle grandi corporazioni finanziarie che privilegiano il loro modo di generare profitto sulla volontà dei cittadini. Esiste, però, un modo per rispondere ed é quello che anche nel remoto passato di civiltà come quella ateniese funzionava. Basta dare voce a tutti senza privilegi di censo ed allora la democrazia può fare il miracolo e risorgere a nuovo splendore. Varoufakis ci dice che questa é la sfida per l'Europa di oggi, ritrovare la sua origine democratica.

Leggi tutto...

Vai all'inizio della pagina