IL MIO TERRAZZO

di Gisella Evangelisti

Il mio terrazzo é come la mia vita. Sostenibile, riciclabile, multiculturale, senza sprechi, approfittando di ogni centimetro di bellezza. Pieno di ricordi che diventano futuro. Gli ex pezzettini di gerani  e malvarosa che presi in Sardegna anni fa sono diventate due splendide piante che a primavera fioriscono generosamente, proteggendo la casa dai mosquitos. Poi c'é la varieta di piante grasse che vengono, pezzetto dopo pezzetto, dalle pendici di La Palma delle Canarie, in una passeggiata in cui Luigi Pistillo ci trascinò per barranchi e saliscendi che si sarebbero potuti evitare facendo una comune strada carrozzabile, ma vuoi mettere? Su quei barranchi a ogni pié sospinto c'erano boschetti di piante grasse , quelle specie di palmette piccole a rosellina, e ne presi qualcuna da mettere sul terrazzo, e adesso sono lì, crescendo senza fretta. Anni fa presi in Sardegna un pezzetto di quelle piante grasse che fano grandi fiori color fucsia, e vengono giù a cascata a volte dagli scogli. C'erano nella villa dei nonni Fronzaroli ai tempi della mia infanzia. Quei pezzetti  sono cresciuti lentamente.  Finalmente quest'anno, ecco la cascata di fiori che però godranno i vicini, in quanto pendono dal mio terrazzo ma verticalmente.

Recensione di P. Basurto
LA POESIA ONIRICA DI SONIA GARCIA

Sogni e Serpenti, di Sonia Garcia Garcia - Edizioni Croce

 

Lo sguardo vivo che provoca l’intelligenza di chi parla con lei, un che di orientale e di segreto nelle sue fattezze di messicana precolombina, Sonia mi racconta i suoi sogni con i serpenti. Sogni che sono poesie, custodite con la curiosità e la complessità della creazione artistica, durante il corso degli anni e che hanno scandito la sua vita, per sottolineare avvenimenti la cui importanza si dimostrava alla coscienza solo dopo; dopo; quando nel ricordo apparivano quello che erano: rivelazioni. “Ma più che sogni, sono visioni”, le dico, “Visioni; come quelle dei profeti; come quelle di Giovanni, quando scrive l’Apocalisse”. Eppure, no! Sonia non è affatto d’accordo. Sono sogni. Sogni veri. “Li ho avuti davvero i miei sogni, e li ho scritti come li ho avuti… Certo, li ho scritti… li ho descritti… li ho interpretati, nell’unico modo possibile: la poesia”.

Recensione di Gisella Evangelisti                                                        cinema                                                                                                                                                                      

A BETTER MAN

PER CAPIRSI SPIEGARSI

Un documentario presentato  il 15 novembre a New York al festival DOC NYC ha attirato in modo particolare l'attenzione dei media. Si tratta di  “A Better Man”, un'opera  che affronta in modo originale il tema della violenza domestica, in quanto i due protagonisti sono ex partners in cui l'uomo é stato un maltrattatore della sua compagna nei due anni della loro relazione.Attiya e Steve, di Ottawa, si conobbero  giovanissimi. Lei, bella e romantica, aveva 16 anni e frequentava le superiori, lui con un anno di piú, era considerato simpatico e sveglio. Si misero a vivere insieme, mantenendo pochi contatti con le famiglie.

 DE SENECTUTE

Appunti di Luciano Carpo sul libro di Massimo Ammaniti  ' La curiosità non invecchia. Elogio della quarta età'

Il noto psicanalista riflette sulla “quarta età” (oltre gli ’80 anni), stimolato anche dalle testimonianze o dagli scritti di quasi novantenni e ultranovantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese( come Raffaele La Capria, Luciana Castellina, Giorgio Albertazzi, Andrea Camilleri, Alfredo Reichlin, Mario Pirani, ecc.) e di altri famosi autori e personaggi.
Raccontano di come – con l’età- è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze proprie della vita di ogni essere umano: la famiglia, l'amore, l'amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, il dolore dei lutti, la potenza dei rimpianti, l’arte del compromesso interiore, la conquista del buon senso, il venire a patti con gli inevitabili acciacchi.

Vai all'inizio della pagina