I MIEI RAMI

 Quise nutrir mis ramas sin pasado

 con torrentes de memorias ancestrales

 en cambio, ahora mis memorias

 son tormentas de otros tiempos

 no pude revivir sus mayores regocijos

 pero pude nutrir mis ramas con retazos de nostalgias.

 

 

   Volevo nutrire i miei rami

   senza passato,

   nutrirli con torrenti

   di ricordi antichi

   Invece ora, nella mia memoria,

   solo tempeste d’altri tempi.

   Le loro gioie più grandi

   non le ho rivissute,

   ma ho potuto nutrire i miei rami

   con un po’ di nostalgia.

 

 

  Claudia Walker  Manizales (Colombia), 2022

 

                                                                                              A PIEDI NUDI                                                                                     

 

 "Sabes que se siente cuando caminas

con pies desnudos

 sobre piedras corrugadas?

le pregunté.

 Claramente no sabía la respuesta.

 Siempre usó zapatos

para caminar sobre el asfalto.

 Naturaleza muerta."

 

   “Che provi camminando

   a piedi nudi

   su pietre spigolose.

   Lo sai?” Certo

   che non sapeva la risposta.

   Ha sempre usato scarpe

   per le sue strade d’asfalto.

   Natura Morta !”

                                          Claudia Walker  Manizales (Colombia) 2022

 

 

Recensione di Aurelia Porvenir

libri - INCIPIT MON AMOUR

“Zero Gravity” (Ed. La Nave di Teseo, 2022)

               di Woody Allen

“Chiunque abbia gettato un fiammifero acceso nella stiva di una nave carica di munizioni può confermare che da un gesto insignificante possono scatenarsi decine di migliaia di decibel. Di fatto, per innescare lo tsunami che ha travolto la mia vita poche settimana fa è bastato un sintetico bigliettino fatto scivolare sotto la porta di casa nostra…”

Poche settimana fa? Ma come, Nave di Teseo! Un refuso dopo appena cinque righe dall’inizio? Proprio nell’incipit?

Hmm….. Ok, andiamo avanti. È l’inizio del primo dei 19 brevi racconti raccolti in Zero Gravity, l’ultima fatica letteraria di Woody Allen per ingannare il tempo mentre cerca di trovare (ma incredibilmente non li trova) i soldi per girare il suo cinquantesimo e pare ultimo film.

Recensione di Aurelia Porvenir

libri - INCIPIT MON AMOUR

"Annientare" (Ed. La Nave di Teseo, 2022)

                                        di Michel Houellebecq

 

Certi lunedì di fine novembre o di inizio dicembre, soprattutto se sei scapolo, hai la sensazione di essere nel braccio della morte. Le vacanze estive non sono che un ricordo sbiadito, l’anno nuovo è ancora lontano; la prossimità del nulla è insolita.

Lunedì 23 novembre  Bastien Doutremont decise di andare al lavoro in metropolitana…

Inizia così l’ultimo romanzo di Michel Houellebecq, un poderoso volume edito in Italia da La nave di Teseo.

Sono molto sensibile agli incipit. Da quelle poche righe iniziali capisco, o credo di capire, se il libro mi piacerà o meno. Certo mi è capitato di ricredermi. E un libro che pensavo mi sarebbe piaciuto poi mi ha deluso. O un altro che all’inizio mi respingeva tanto da abbandonarlo dopo poche righe poi, ripreso in mano dietro la spinta di amici o di abili recensori, ha finito per catturarmi. Ma queste sono le eccezioni.

Un incipit per essere accattivante non deve essere frettoloso ma neanche prolisso; deve essere  ben scritto ma non pedante; non deve essere astruso ma, sì, un po’ misterioso.

Come va con l’incipit di “Annientare”?

DESIGN BY WEB-KOMP