NON FACCIAMO BRUTTE FIGURE...RETORICHE

 

 

 

ADYNATON

di Stella d'Este

Adynaton? Ma che cos’è? Beh, effettivamente è una figura retorica particolare. Pensate un po’, consiste nientedimeno nell'affermare l'impossibilità che una cosa avvenga subordinando il suo avverarsi a quello di un altro fatto chiaramente impossibile. Addirittura! Ma davvero vogliamo complicarci la vita così? Ebbene sì, sembra proprio che vogliamo farlo, anzi lo facciamo almeno da un paio di millenni visto che troviamo un famoso adynaton già nel Vangelo.

PILLOLE RIFLESSIVE

QUEL MASCALZONE DI CRISTOFORO COLOMBO. Altro che Columbus Day. In varie città degli USA le statue dedicate a Colombo (e non sembra che siano poi tante) sono state prese di mira e distrutte o deturpate. [Chi volesse saperne di più può leggere un informato articolo sul Post a questo link]. Non è una grossa novità. Già da qualche tempo il Columbus Day veniva contestato. Celebrare la scoperta dell’America…ma perché? Semmai i veri scopritori erano quelli che da secoli già ci abitavano. La verità è che si celebra la scoperta da parte degli europei. Una scoperta che segna l’inizia di una nuova era: l’era del commercio mondiale, del colonialismo, dei grandi imperi, dei massacri in nome di Dio e dell’ipocrisia morale di una cultura rapace e crudele come quella dell’Occidente, che, allora, era essenzialmente l’Europa. Abbasso Colombo che ne è un degno simbolo! E giù a dargliene di santa ragione, al Cristoforo Colombo. Senza scrupoli, aveva sbagliato tutti i calcoli e non fu nemmeno capace di ammetterlo.  Il Nuovo Mondo, come lui stesso volle chiamarlo, era un tesoro di risorse: schiavi ed oro. Fu accolto dai nativi a braccia aperte e generosamente. Scambiato come un Dio caduto dal cielo e lui massacrò tutti quelli che non volevano obbedire alle sue leggi di sfruttamento. A un certo punto cominciò a prendersela con gli stessi coloni spagnoli che

 ROUSSEAU CHI ?

di Paolo Basurto

Tutte le volte che Grillo e gli esponenti del Movimento Cinque Stelle da lui accettati o voluti, non sanno che pesci pigliare, si rivolgono all’uso magico della piattaforma Rousseau. Mi domando quanti Grillini abbiano letto Rousseau, sappiano chi sia o perlomeno si siano dati la briga di andare a sbirciare su internet.

ALGO ESTÁ CAMBIANDO EN CHILE

de Jorge Fernandez (*)    [link trad. italiano]

Quizás es un gran triunfo que refleja los cambios que se viven en el Chile actual. Quizás sea solo un tímido primer paso. Quizás sea esa antigua costumbre de cambiarlo todo, para que no cambie nada. Pero lo concreto es que en el Chile gobernado por la derecha ha sucedido algo histórico: se escribirá la nueva Constitución con los pueblos originarios y paridad de género.

En efecto, el Congreso aprobó 17 escaños reservados a indígenas en la Convención Constitucional, órgano que también tendrá igual número de mujeres y hombres.

Los mapuches, etnia mayoritaria que habita principalmente en la Araucanía -antigua frontera en la época de la colonización española- tendrá siete representantes. También habrá dos aymaras, que habitan principalmente en la zona norte del país. Un representante de Rapa Nui, la isla del Pacífico que Chile incorporó a su territorio en1888 y uno de los pueblos Quechua, Atacameño, Diaguita, Kolla, Kawesqar, Yagán y Chango.

DESIGN BY WEB-KOMP